LogoLogo

Comune di Padova, Provincia di Padova, Veneto

Situata a distanza uguale da Venezia e Vicenza, in zona piana e fertilissima di origine alluvionale, è attraversata dal fiume Bacchiglione e irrigata dalle acque dei canali del Brenta, nel punto di incrocio delle vie di comunicazione della Venezia Euganea, Venezia Giulia e Tridentina e dell'Emilia.
fare clic per ingrandire la mappa
Capoluogo di una delle province più ricche dell'Italia padana, riunisce in sé i caratteri del centro agricolo, industriale e commerciale, abbelliti da quelli altrettanto vetusti di città dotta e ricca di studi. Sotto l'aspetto urbanistico e territoriale, alla forma più antica di quadrilatero si aggiunsero col passare dei tempi in ordine sparso altri quartieri ed allargamenti dei sobborghi.

Le Regioni Italiane

Follow us on Facebook:

Luoghi d'interesse

  • Musei nella Città di Padova
  • la grandiosa Basilica di Sant'Antonio, iniziata nel XII secolo, prospiciente la celeberrima statua equestre del Gattamelata, opera di Donatello 1453; visita il sito
  • l'Abbazia di Santa Giustina terminata nel 1500; visita il sito
  • la celeberrima Cappella degli Scrovegni decorata da Giotto nel XIV secolo; visita il sito
  • la Chiesa degli Eremitani con la cappella degli Ovetari ornata da affreschi del Mantegna, la cui distruzione nella II guerra mondiale costituisce uno dei maggiori danni artistici riportati sul territorio italiano;
  • il Palazzo della Ragione, immenso quadrilatero romboidale edificato nei secoli XII e XIV;
  • il Palazzo dell'Università con a fianco il caffè Pedrocchi, che fu nel periodo del Risorgimento teatro di sommosse contro gli austriaci;
  • il Palazzo del Capitano con la Torre dell'Orologio del 1427;
  • il vasto Prato della Valle, o piazza Vittorio Emanuele, di forma circolare in tempi romani e occupato da circhi, nel medioevo teatro di giostre famose, alcune delle quali tenutesi in presenza di personaggi come Carlo Magno, il Barbarossa, Ezzelino da Romano; visita il sito

La storia

Secondo la leggenda sarebbe stata fondata dall'eroe troiano Antenore, fuggiasco nel 1184 a.C., mentre pare che in realtà sia sorta agli inizi del IV secolo a.C. Nemica degli stranieri ed amica di Roma, nel 49 a.C ottenne la cittadinanza romana, divenendo Municipium Patavium, e divenne fiorente centro commerciale ed agricolo.

Nel censimento di Augusto dell'anno 8 a.C., risultò l'unica città d'Italia che dopo Roma contasse non meno di 500 cittadini con fortune tali da poter essere iscritti all'ordine equestre. Sotto l'Impero ebbe un ordinamento autarchico, ma le restrizioni apportate da Diocleziano e Massimino e le distruzioni cagionate dalle invasioni barbariche, di cui leggendaria quella attribuita ad Attila, l'avviarono alla decadenza e dal VII al IX secolo il centro della vita commerciale ed amministrativa venne trasferito a Monselice.

Riprese il suo slancio con gli Ottoni sul finire del X secolo e con il governo comunale e podestarile con il quale nel secolo XII iniziò un'attiva politica estera e ampliò la propria giurisdizione territoriale, nonostante la trentennale tirannide degli Ezzelini, sotto i colori anti-imperiali, riunendo le vicine città di Vicenza, Bassano e Feltre.

Feroci fazioni interne però ne minarono l'integrità favorendo il predominio dei signori da Carrara nel 1320, che durò ben un secolo, cedendo poi il posto ai veneziani la cui bandiera Padova segui fedelmente fino al passaggio agli austriaci, cui nel 1848 si ribellò eroicamente; solo nel 1866 Padova venne a far parte dello Stato Italiano e da allora ne è una gemma splendente nella cultura, nella storia e nell'arte.

Nacquero a Padova uomini celebri come Tito Livio, storiografo del periodo augusteo (59 a.C.- 17 d.C.), Albertino Mussato politico, letterato e uomo di stato (1261-1329), Andrea Mantegna sublime pittore (1430-1506), Sperone Speroni scrittore e filosofo (1500-1588), Gaspara Stampa poetessa (1523-1554), Carlo Dottori poeta e scrittore (1618-1685), Melchiorre Cesarotti traduttore di Omero (1730-1808), Giovan Battista Belzoni esploratore e pioniere dell'archeologia (1778-1823), il drammaturgo Angelo Beolco detto il Ruzzante (1496-1542), Bartolomeo Cristofori, abilissimo costruttore di clavicembali (1655-1731).

In breve

Area: 93 km² -- Altitudine: 12 m s.l.m. -- Popolazione: circa 213mila abitanti -- Densità: 2289 abitanti per km² -- Codice Avviamento Postale: 35100 -- Prefisso telefonico: 049 -- Santo Patrono: Sant'Antonio da Padova celebrato il 13 giugno;, compatroni: San Prosdocimo, Santa Giustina e San Daniele -- Frazioni e Località: Altichiero, Arcella, Bassanello, Brusegana, Camin, Chiesanuova, Forcellini, Guizza, Madonna Pellegrina, Mandria, Montà, Mortise, Paltana, Ponte di Brenta, Ponterotto, Pontevigodarzere, Sacra Famiglia, Salboro, Santa Croce-Città Giardino, Stanga, Terranegra, Torre, Voltabarozzo, Voltabrusegana
-- Coordinate Gps: 46°13'99"N 12°21'75"E

Link suggeriti

Strutture ricettive