LogoLogo

Regione Veneto: province, comuni, luoghi d'interesse

Confinante con l'Austria a nord, la regione include alcune tra le più belle cime alpine, come il gruppo della Marmolada, le Tre Cime di Lavaredo, Monte Cristallo. La maggior parte del territorio è pianeggiante, con al centro colline basse di origine vulcanica, i Monti Berici ed i Colli Euganei. Le coste sono basse e caratterizzate da ampie spiagge sabbiose, interrotte da fiumi, canali e lagune.
Province del Veneto
Provincia di Belluno Provincia di Treviso Provincia di Venezia Provincia di Padova Provincia di Vicenza Provincia di Verona Provincia di Rovigo

Le Province

Le province venete sono sette: Belluno, Padova, Rovigo, Treviso, Venezia, Verona, Vicenza, con capoluogo di regione a Venezia.

Le Regioni Italiane

Follow us on Facebook:

La storia

Ben poco si sa dei primi abitanti del Veneto, chiamati "Euganei", che furono probabilmente assorbiti dagli antichi Veneti, popolo pacifico dedito all'agricoltura, che si insediò nella regione a partire dal 1300 a.C. fondando centri importanti come Este, Padova ed Adria. Diversamente dagli altri popoli italici, i Veneti non combatterono i Romani, stringendo con essi un'alleanza contro il nemico comune rappresentato dai Galli. Nel 98 a.C. il Veneto ricevette lo status di colonia romana, e poco tempo dopo la cittadinanza.

Agli inizi del quinto secolo d.C. il Veneto fu la prima regione ad essere minacciata dalle invasioni barbariche, ed il centro politico venne trasferito nell'area lagunare, più facile da difendere, e in Istria, sotto la protezione dell'Impero Romano d'Oriente. A quel tempo risale quindi il proficuo rapporto che si instaurò tra Venezia e l'oriente, mentre l'entroterra veneto, come gran parte della penisola italiana, veniva occupato in successione da Goti, Longobardi e Franchi; questi ultimi istituirono una serie di contee e contribuirono all'ascesa della casata d'Este. Intanto anche altre dinastie prendevano il sopravvento, come gli Scaligeri a Verona e i da Carrara a Belluno.

Per tutto il Medio Evo continuò inarrestabile l'ascesa di Venezia, che divenne la prima potenza navale del Mediterraneo conquistando progressivamente le città dell'entroterra e conservando una fiera indipendenza repubblicana finchè nel 1797 Napoleone la cedette all'Austria con il Trattato di Campoformio. Infine con la Terza Guerra d'Indipendenza (1866) il Veneto fu annesso al Regno d'Italia; iniziò in tale epoca, per svariati motivi, un massiccio esodo degli abitanti verso i centri industriali di Piemonte e Lombardia e oltreoceano.

Terribili furono le sofferenze della regione durante la I Guerra Mondiale, con la linea del fronte tra Austria ed Italia in territorio veneto, e durante la II Guerra Mondiale, allorché dopo l'armistizio del 1943 iniziarono massicci bombardamenti alleati soprattutto su Treviso e Verona, mentre le rappresaglie tedesche contro la Resistenza colpivano duramente la popolazione civile.

In breve

Area: 18391 km² -- Popolazione: circa 4.800.000 abitanti nel 2007 -- Densità: 261 abitanti per km² -- Comuni: 581

Economia

La popolazione si concentra nella parte meridionale, ove è molto sviluppata la coltivazione di mais, orzo, soia e barbabietola, frutta e ortaggi, vigneti che producono rinomati vini. La pesca e le industrie alimentari sono un'altra importante risorsa, assieme alle molte piccole e medie aziende di tipo artigianale, come l'oreficeria a Vicenza, il vetro a Murano e i merletti a Burano. La risorsa più promettente è comunque il turismo, che si dirige in primo luogo verso Venezia, ma anche verso altre destinazioni come la zona dolomitica, il Lago di Garda, le località termali e balneari e le città d'arte.

Siti UNESCO Patrimonio dell'Umanità

Link suggeriti