LogoLogo

Comune di Messina, Provincia di Messina, Sicilia

La città sorge sulle coste nord-orientale della Sicilia, bagnata dallo stretto di mare omonimo, fra il mare e le prime pendici dei monti Peloritani e la piana alluvionale dei torrenti Portalegni e Boccetta.
fare clic per ingrandire la mappa

Messina è dotata di uno dei porti più sicuri dell'Isola con notevole movimento merci e turistico, e frequenti navi traghetto che mettono in comunicazione la stessa città con le coste calabresi di Villa San Giovanni e Reggio Calabria. La sua posizione geografica è tristemente nota per violenti sismi che nei secoli passati hanno creato distruzione e morte, l'ultimo dei quali quello del 1908, che distrusse quasi totalmente l'abitato.

Le Regioni Italiane

Follow us on Facebook:

Strutture ricettive

Luoghi d'interesse

  • Museo Regionale di Messina, Viale della Libertà 465; Tel. 090 361292 - 361293 Fax 090.361294; situato nell'ex filanda Barbera-Mellinghoff, è situato lungo la riviera nord della città - vedi ubicazione su mappa;
  • la basilica dedicata a Santa Maria Assunta, di origine bizantina ma ricostruita alla fine del XII secolo e rimaneggiata nei successivi, preserva all'interno numerose opere d'arte, un pregevole organo, il terzo per grandezza in Europa, il campanile con un complesso orologio meccanico-astronomico che muove alle ore dodici varie statue;
  • la basilica santuario di Sant'Antonio di Padova del XX secolo, inaugurata nell'anno 1926, costituita da tre navate riccamente affrescate ed ornate con tele, che è anche ultima dimora ove riposa il corpo incorrotto di Sant'Annibale Maria di Francia, insigne cittadino che visse ed operò in questa città a favore degli orfani; visita il sito
  • il sacrario dedicato a Cristo Re, ove si conservano numerosi corpi di degni cittadini messinesi, costruito nel 1925 su resti di antiche e poderose mura, castello di Matagrifone e probabilmente fortificazione preesistente già all'epoca dei coloni greci;
  • la Badiazza caratteristica chiesa fondata da monache benedettine nel XI secolo su preesistente chiesa di origini bizantine;
  • il Castello Gonzaga, cinquecentesca fortezza voluta dall'allora reggente di Sicilia Ferrante Gonzaga;
  • il Forte San Salvatore, situato sull'estrema propaggine della falce del porto naturale, che da recenti ritrovamenti si presume esistente già all'epoca dei greci come fortezza e punto d'approdo;

La storia

D'antichissime origini, ebbe come primo nome come Zancle, in siculo "falce", dalla forma del golfo, nei secoli VII e V a.C. divenne Messana per gli esuli messeni, fuggiti dal dominio di Sparta, cadde sotto gli Ateniesi nel 427 a.C. e con essi divenne un forte centro commerciale ma fu distrutta nel 396 dai Cartaginesi. Ricostruita da Dionigi di Siracusa fu rioccupata dai Mamertini, mercenari rimasti senza lavoro la morte del tiranno Agatocle, combattuti dal Siracusano Gerone e dai Cartaginesi, i quali chiesero aiuto ai Romani che iniziarono così la prima guerra punica nel 264 a.C., in seguito alla quale Messina divenne una colonia romana e si sviluppò come centro strategico militare e commerciale.

Con il passare dei secoli fu sottoposta al dominio dei Saraceni nel secolo IX d.C. e dei Normanni che presero l'intera Isola al sorgere del nuovo millennio. Il suo periodo più florido fu sotto la dominazione illuminata e colta degli Svevi. Durante i Vespri siciliani nel 1282 fu sottoposta all'assedio da parte degli Angioini ma con abile strategia i messinesi distrussero la flotta degli assedianti.

Nella metà del XVII secolo, sotto la reggenza degli Spagnoli, si ribellò al loro malgoverno e questa volta fu punita con la perdita dei privilegi che aveva acquisito. Incominciò così un periodo di decadenza a cui si aggiunsero gravi calamità: nel 1740 la peste mieté ben 40mila vittime nella città e alcuni anni dopo nel 1783 il terremoto la distrusse quasi completamente. Nella lotta per l'indipendenza nazionale fu ultimo rifugio della dinastia Borbonica, espugnata dalle truppe italiane del generale Cialdini nell'anno 1861. Provata ancora da eventi bellici e naturali, dal sisma del 1908 e dalla II guerra mondiale, è tornata finalmente ad essere uno dei centri più prosperi dell'Isola.

In breve

Area: 211 km² -- Altitudine: 3 m s.l.m. -- Popolazione: circa 244mila abitanti -- Densità: 1158 abitanti per km² -- Codice Avviamento Postale: 98100, ma verificare il codice specifico dei singoli indirizzi sullo stradario di Messina -- -- Prefisso telefonico: 090 -- Coordinate: -- Santo Patrono: Madonna della Lettera celebrata il 3 giugno e il 15 agosto -- Frazioni e Località: è suddivisa in 6 circoscrizioni:
Circoscrizione I (comprende le frazioni della periferia Sud): Giampilieri Marina - Giampilieri Superiore - Molino - Altolia - Briga Marina - Briga Superiore - Pezzolo - Ponte Schiavo - Santa Margherita Marina - Santo Stefano di Briga - Santa Margherita - Santo Stefano Medio - Galati Marina - Galati Superiore - Galati Inferiore - Mili San Marco - Mili Marina - Mili San Pietro - Tipoldo - Larderìa - Tremestieri
Circoscrizione II (comprende le frazioni della zona Sud): Pistunina - Zafferìa - Santa Lucia sopra Contesse - Villaggio CEP - Villaggio UNRRA - Contesse - Minissale - San Filippo Inferiore - S. Filippo Superiore
Circoscrizione III (comprende le frazioni del centro urbano e le frazioni vicine): Rione Taormina - Gazzi - Mangialupi - Rione Aldisio - Rione Ferrovieri - Cannamele - Cumìa Superiore - Cumìa Inferiore - Valle degli Angeli - Santo - Bordonaro - Rione Santo Bordonaro - Palmara - Carrubbara - Monte Santo - Camaro Inferiore - Camaro - Bisconte - Cataratti
Circoscrizione IV (comprende le frazioni del centro urbano e le frazioni vicine): Gonzaga - Montepiselli - Gravitelli - Torre Vittoria - San Raineri - Galletta
Circoscrizione V "Antonello da Messina" (comprende le frazioni della zona Nord): Villaggio Svizzero - Giostra - Basile - Ritiro - Scala Ritiro - San Licandro - Regina Elena - San Michele - Annunziata - Paradiso
Circoscrizione VI (comprende le frazioni della periferia Nord): Contemplazione - Pace - S. Agata - Ganzirri - Torre Faro - Capo Peloro - Mortelle - Timpazzi - Casa Bianca - Sperone - Faro Superiore - Curcuraci - Massa San Giovanni - Massa San Lucia - Massa San Nicola - Massa San Giorgio - Acqualadroni - Spartà - Castanea delle Furie - Salice - San Saba (Messina) - Rodìa - Ortoliuzzo - Gesso

Link suggeriti