LogoLogo

Regione Campania: province, comuni, luoghi d'interesse

La Campania incanta il visitatore con l'aroma mediterraneo di pini, gli aranceti e limoneti, le scogliere a picco sul mare, le spiagge dorate, il mare limpido, lo stesso fascino millenario che ha conquistato gli eroi mitici, la Grecia, i Romani e l'immaginario del mondo intero.
Provincia di Avellino Provincia di Benevento Provincia di Caserta Provincia di Napoli Provincia di Salerno
Province della Campania

Il Territorio

Privilegiata da clima ameno e fertilità del terreno, la regione è caratterizzata da territorio per lo più collinare, con zone montuose a confine con Basilicata e Molise. Il Vesuvio, tra i pochi vulcani ancora attivi in Europa, i Golfi di Napoli e Salerno, separati dalla penisola Sorrentina, e le isole di Ischia, Capri e Procida offrono paesaggi di rara bellezza. Ma la Campania è anche terra ricca di storia e di un vasto e vario patrimonio architettonico.

In breve

Area: 13.595 km² -- Popolazione: circa 6 milioni di abitanti nel 2007 -- Densità: 427 abitanti per km² -- Comuni: 551

Le Province

Cinque sono le province campane: Avellino, Benevento, Caserta, Napoli, Salerno, con capoluogo di regione a Napoli.

Le Regioni Italiane

Follow us on Facebook:

La storia

Originariamente abitata da Ausoni e Opici, nell'VIII secolo a.C. la regione fu colonizzata dai Greci che vi fondarono numerosi centri come Cuma, Elea e Paestum. Nel VI secolo a.C. gli Etruschi si stabilirono nell'area capuense fondandovi 12 città. Nel V secolo il territorio passò ai Sanniti e nel III secolo ai Romani che combatterono duramente per conquistarlo. Le grandi e ricche famiglie Romane cominciarono così a costruire maestose ville che si affacciavano sul Golfo di Napoli. Nell'79 d.C. le città di Pompei ed Ercolano vennero distrutte da una terribile eruzione del Vesuvio, documentata meravigliosamente nelle due epistole di Plinio il giovane, nipote di Plinio il vecchio che fu tra le innumerevoli vittime.

Dopo la caduta dell'impero Romano, la Campania fu occupata da Goti e Bizantini, passò poi ai Lombardi che fondarono il Ducato di Benevento; intanto Amalfi diventava un centro commerciale marittimo sempre più importante. Nel 1139 la regione fu conquistata dai Normanni, poi nel XIII secolo passò sotto il Regno Angioino della Sicilia e nel XV secolo sotto il dominio Aragonese. Rimase territorio spagnolo dagli fino al 1707, quando fu conquistata dagli Austriaci. Nel 1734 Carlo II Borbone diventò Re di Napoli. Nel 1860, dopo l'unità d'Italia, la Campania, come tutto il Meridione, fu afflitta da una vasta crisi economica che diede il via ad una massiccia emigrazione della popolazione verso il Nord Italia ed oltreoceano.

Economia

La popolazione raggiunge quasi i 6 milioni ed è concentrata intorno a Napoli e Salerno, mentre le zone interne non sono molto popolate. L'agricoltura è molto intensiva, ed altre risorse tradizionali sono l'allevamento del bestiame e la pesca; le zone industriali sono concentrate nell'area napoletana, l'artigianato basato sul corallo e la ceramica è ancora importante. La più grande risorsa è però il turismo: Napoli, Capri, Sorrento, Pompei, Paestum, Positano, Amalfi, Caserta e la sua Reggia sono mete tradizionali dello scenario turistico internazionale.

Siti UNESCO Patrimonio dell'Umanità

Siti UNESCO Riserve della Biosfera

Link suggeriti