LogoLogo

Regione Calabria: province, comuni, luoghi d'interesse

La Calabria è un'affascinante fusione di coste e montagne: la catena del Pollino a Nord, l'altopiano della Sila al centro, la catena delle Serre e l'Aspromonte al Sud. A causa della vicinanza delle montagne alla costa, i fiumi calabresi, le cosiddette fiumare, sono molto corti e per buona parte dell'anno sempre asciutti.
Provincia di Cosenza Provincia di Crotone Provincia di Catanzaro Provincia di Vibo Valentia Provincia di Regio Calabria
Province della Calabria

Con la sua lunghissima estensione costiera la Calabria è stata da sempre soggetta ad invasioni provenienti dal mare. Infatti, a partire dai tempi dei Normanni, per far fronte alla dilagante crescita della pirateria, furono edificati molti forti e castelli in posizioni strategiche.

In breve

Area: 15.082 km² -- Popolazione: circa 2 milioni di abitanti nel 2001 -- Densità: 132 abitanti per km² -- Comuni: 409

Le Province

Cinque sono le province calabresi: Catanzaro, Cosenza, Crotone, Reggio Calabria e Vibo Valentia, con capoluogo di regione a Catanzaro.

Le Regioni Italiane

Follow us on Facebook:

La storia

Nell' VIII secolo a.C. la Calabria fu colonizzata dalla Grecia, che fondò le città di Reggio, Sibari e Crotone. Nel IV secolo fu occupata dai Bruttii che si allearono con Annibale durante le Guerre Puniche per combattere i Romani. Nel 132 a.C. Roma ebbe la meglio, e la Calabria fu annessa al grande impero.

Dopo l'impero Romano, la Calabria passò ai Bizantini, poi ai Lombardi e ai Normanni. L'ultima discendente dei Normanni, Costanza d'Altavilla, sposò Enrico VI di Svezia, e agli Svevi seguì il Regno Angioino Aragonese. Durante questo periodo ci furono molte rivolte popolari che culminarono nel 1599 anno durante il quale ci fu la più grande insurrezione capitanata da Tommaso Campanella. L'occupazione Spagnola fu molto tirannica, tanto che l'infelicità e l'insoddisfazione popolare arrivarono a tal punto che, nel XIX secolo cominciarono a farsi sentire movimenti patriottici, come la Carboneria, fino al 1860, quando tutti si unirono con Garibaldi che approdò con le Camicie Rosse a Melito.

Come tutto il regno di Napoli, la Calabria fu annessa al Regno d'Italia nel 1860. Gli anni che seguirono videro una grande crescita della povertà e dell'emigrazione, anche a causa della forte disparità tra il Settentrine industrializzato, e il povero Sud, che traeva sostentamento prevalentemente dall'agricoltura.

Link suggeriti

Economia

Questa Regione è stata sempre terra d'emigrazione, a causa della scarsezza di terreni coltivabili; tutt'oggi infatti, la gran parte della popolazione è concentrata nelle pianure e lungo le coste. Lo sviluppo industriale è basso, l'agricoltura non è molto fruttuosa a causa dell'aridità del terreno; ma il turismo continua ad essere uno dei punti forti della Calabria da qualche decina d'anni.